Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena

Autore

  • Webmaster

Condividi

CF08 - Tappa08 - Da Cassio al Passo della Cisa

mar 08 Lug 2008

Partenza da Cassio alle ore 7.55 dopo una buona colazione e l’ennesimo saluto a Vittorio che ci lascia per raggiungere la sua Verbania.

La traccia comincia a salire lungo la statale della Cisa, l’aria è sempre fresca, il panorama stupendo e la strada è ben segnata da una infinità di paracarri con incastonata la fornella raffigurante il Pellegrino Francigeno.

Dopo 3 km si lascia la statale e ci si inerpica lungo un sentiero prima facile poi sempre più erto e sassoso sino a raggiungere i 914 metri del bel borgo di Castellocchio dove lungo la via principale tutte le abitazioni portano incastonate nel muro la fornella del pellegrino. Il paesaggio è notevole tra verdi colline e nel fondo valle si intravede l‘autostrada che ha tolto vitalità economica a queste località.

Dopo 10 km di sali e scendi si intravedo in basso Berceto, raggiungiamo il paese, visita della chiesa, sosta tecnica e si riprende verso il monte Valoria, metri 1225. Nell’attraversamento di Berceto incontriamo diverse persone che ci  salutano con calore e ci augurano un buon cammino. La cordialità di queste genti è sorprendente.

Troviamo la svolta per il monte Valoria segnata sia come Via Francigena che come Ippovia. Si sale in circa un’ora, in cima lo spettacolo è stupefacente, si sente il vento con accento toscano che soffia da una parte e quello con accento emiliano che soffia dall’altra. Noi con orecchio piemontese valdostano gustiamo questa sinfonia.

Il vento è fresco tanto che ci induce ad indossare la giacca, la discesa è ripida in 45 minuti raggiungiamo l’ostello, una casa cantoniera con il suo caratteristico color rosso mattone che riattata ha assunto con l’aggiunta di una trattoria un punto di sosta veramente valido.

Gigi Calcia

Mappa

Risorse nelle vicinanze...loading

Altre pagine di diario