Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena

Condividi

Tappa 21 - Da Brienne Le Chateau a Bar Sur Aube

ven 23 Lug 2010

Nottata pessima. Alcuni ragazzi che urlavano; un caldo infernale; una zanzara fastidiosa. E l'antistaminico che mi porta sonnolenza ma non mi fa dormire.

Già! Ci mancava solo l'allergia! E dove poteva manifestarsi se non proprio su un piede? Speriamo non mi dia problemi a camminare.

Spalanco le finestre per far circolare un pò d'aria! Non so perchè ma sento che oggi sarà una di quelle giornate difficili, nelle quali l'unica cosa che pensi è arrivare a destino. Lo so. Nessuno mi obbliga a camminare tutti i giorni.

E poi ho tutto il tempo che voglio. Ma c'è qualcosa, una forza che parte da dentro, che tutte le mattine mi chiama e mi fa mettere le scarpe ai piedi. Ancora non sono riuscita a capire la natura di questa forza. So solo che la sento e che desidero seguirla.

Cathy è già pronta per uscire e dopo avermi salutata si incammina lentamente verso la meta di oggi, Bar-Sur-Aube. Mi ha fatto piacere incontrarla di nuovo: chissà che forse passeremo qualche giorno insieme.

In breve sono anche io per strada. Ripongo le chiavi dell'hostel nella cassetta postale dell'Ufficio Turistico e mi compro un croassaint nella panetteria vicino. Poi, cercando di tirar fuori un pò di grinta, attraverso il paese in cerca della via da seguire.

Un breve sentiero in erba che attraversa un campo di frumento è la mia prima tratta; poi la salita fino in cima  ad una piccola collina e l'ingresso in un bosco seguedo i segnali bianco e rosso della GR. Dietro alcuni cespugli due persone in un tenda da camping, sentendomi passare, fanno capolino curiosi e mi salutano.

In breve sono a Dienville da dove il Cammino prosegue interamente su asfalto, costeggiando la sponda del fiume Aube, che però solo si intravede tra la vegetazione. Seduta non poco distante sul ciglio della strada ecco Cathy che si sta riposando. Mi fermo un pò a chiacchierare con lei.

Ha i piedi e le caviglie gonfie e quindi spesso si ferma e se li massaggia per migliorare la circolazione del sangue. Vorrei poterla aiutare, ma lei mi assicura che è una situazione di normalità per la sua condizione fisica e quindi di non preoccuparmi e continuare serena. Lei con calma arriverà. Gia! Ognuno con il proprio passo e nelle proprie possibilità!

Inizio già a sentire la stanchezza: oggi proprio non è giornata! Oltretutto anche il tempo comincia a mettermisi contro, inviando una grossa nuvola nera che in breve copre tutto il cielo e si trasforma in un bel temporale.

Nemmeno il Kway riesce a resistere alla forte pioggia e in pochi minuti sono bagnata dalla testa ai piedi. E intorno non c'è nemmeno una tettoia sotto cui ripararmi. Una signora, vedendomi in quelle condizioni, si ferma con la macchina e mi chiede se voglio un passaggio. Le faccio capire che sono una pellegrina e che devo camminare.

Si, devo camminare! Ma l'ambiente oggi mi annoia, mi infastidisce, quasi mi irrita. Sento il bisogno di isolarmi e, in qualche modo, di proteggermi da tutta questa disarmonia che mi sta avvolgendo.

Solo una soluzione: la musica. La musica che carica. La musica che trasforma. La musica che rasserena.

Così, per tutto il Cammino. Non c'è più pioggia, non ci sono più scuri boschi, non ci sono più auto rumorose. E tutto si riequilibra. E il tempo vola. E cantando faccio il mio ingresso in Bar-Sur-Aube.

La ragazza dell'Ufficio del Turismo è gentilissima e si offre di aiutarmi a cercare alloggio. All'hostel parrocchiale c'è solo un letto a disposizione; decido di lasciarlo a Cathy, perchè lei sicuramente arriverà tardi e diventerebbe difficile poi trovare un posto per dormire.

Prendo quindi l'unica stanza singola rimasta in tutto il paese, in un hotel poco distante. Questo fine settimana sono previste delle feste e delle sagre sulla Route du Champagne e quindi dappertutto è quasi completo.

Mi sento molto stanca oggi. E ho un gran bisogno di riposare. Ma a causa della cattiva connessione internet di questi giorni sono rimasta un pò indietro nel raccontare la mia storia e quindi, un pò assonnata, accendo il computer...

Mappa

Risorse nelle vicinanze...loading

Altre pagine di diario