CF08 - Tappa06 - Da Fidenza a Fornovo

Ore 7,20 si parte in gruppo su strada perfettamente  segnalata, tutti ormai abbiamo abbandonato la freddezza nei rapporti tra di noi, ormai siamo un gruppo coeso ed il cameratismo la fa da padrone, si scherza, insomma ci si diverte come se ci conoscessimo da anni; è uno dei vantaggi del camminare insieme.

La strada sale verso la Pieve di Cabriolo, dove nei prossimi mesi verrà allestito un posto di accoglienza per i pellegrini. La giornata è fresca, la salita è dolce il paesaggio è verde ed oro, in lontananza si vedono le propaggini dell’Appennino. Incontriamo molti podisti e camminatori, tutti salutano, alcuni camminano con noi e vogliono sapere da dove veniamo, dove andiamo, naturalmente rilasciamo interviste a go-go.

Si sale in mezzo a vigneti, si scende in mezzo a campi di grano appena tagliati si gusta il rumore del silenzio si fischietta con le cicale, il sudore sulle mie braccia risplende sotto il sole come rugiada di prima mattina, come sono poetico!!!…un cane piccolo e nero mi affianca e zampetta con me per almeno 2 km poi cede nonostante le sue 4 ruote motrici..l’ho stroncato. La strada è sempre bella e ben segnata, la traccia del GPS perfetta, manca acqua è necessario razionare le provviste.

Si prosegue sotto un sole caldo, ma non caldissimo; finalmente si arriva, i Km sono sempre di più di quelli preventivati. Siamo ospitati a Villa Rosa, una struttura religiosa sulle alture della città, posto magnifico, vista bella, ceniamo tutti insieme con doppia razione di carboidrati, insalata, affettati e frutta poi alle 22.30 crollo dal sonno. Scopro di avere una compagna di viaggio, una vescica sul tallone destro, pronto intervento del nostro caro Vittorio e tutto si sistema in breve tempo.

Gigi Calza