Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena Camminafrancigena

Giorno 2 : La Storta – Campagnano

dom 17 Apr 2011

Oggi è stato il secondo giorno di viaggio sulla Francigena, sotto un sole e un clima splendidi; siamo arrivati fin qui a Campagnano, bellissimo borgo del Lazio, con un centro storico che con la sua piazza, il corso, la chiesa e i vicoli lascia ammirato il viandante che si trova a passare. Anche la gente del luogo con me è stata molto gentile quando con Cristina e Agostino siamo arrivati, persino un ragazzo con i suoi amici si sono mostrati molto interessati al nostro progetto quando mi hanno visto fissare gli adesivi; la cosa fa molto piacere. Ora sono qui a dormire presso l’oratorio del paese, il parroco Don Renzo è stato cosi gentile da aprirci le sue porte. Che dire di oggi … giuro che in qualche punto sono arrivato a restare veramente senza fiato : l’intera tappa francigena è stata di una bellezza unica. Questa grande Via ha un particolare che amo : per la maggior parte della sua estensione passa completamente in mezzo le campagne, seguendo un solo grande sentiero per valli, colline, fiumi e laghi. Oggi sono passato tra migliaia di campi e quel vento che soffiava faceva ondeggiare tutti i fili d’erba quasi come fosse un grande lago, spettacolo stupendo in cui spesso mi sono fermato. Cantavo, saltellavo, spalancavo le braccia, chiamavo il vento mio padre, insomma mi sono scatenato, ne valeva veramente la pena! Devo festeggiare questo viaggio che mi sto godendo, no?! E quante persone poi incontrate lungo la rotta! I ciclisti sono passati davvero a flotte e ne ho conosciuti un paio, poi c’era anche un uomo che se la stava facendo di corsa e ancora dopo ci siamo imbattuti in un club di
appassionati di volo degli aerei in modellini. Ce n’era uno giallo e blu fantastico. Un tratto poi era pieno di persone che stavano usando tutti quei campi per una grande scampagnata e qualche volta giocare a pallone, c’era anche la festa di compleanno di un bambino. Io in mezzo a quel marasma mi sono buttato in mezzo a un campo di margherite e mi sono messo a fissare il cielo assaporando anche le carezze del vento : avrei voluto essere una cosa sola con quella terra, stavo troppo bene. Ma le cose non erano mica finite!

Una volta ripartiti, incontro anche una coppia di fidanzati che stavano percorrendo la Francigena a cavallo, che roba! Poi di cavalli se ne vedono veramente tantissimi lungo tutto il percorso Oggi ho conosciuto anche due persone che mi sono piaciute un sacco, Aldo e Marina. Aldo si è messo a parlare con me di moltissime cose e alla fine cosa scopro? Di avere davanti a me una delle prime persone che si occupò di valorizzare ancora di più il tratto della Francigena romana di Monte Mario! Avevo davanti un pezzo grosso, sono sempre troppo entusiasta di conoscere gente cosi.

Marina, poi, si è rivelata essere una persona singolare,ma con una sincerità e una bontà che hanno pochi : dopo aver scambiato 4 chiacchiere con lei le dico che continuo questo viaggio verso Nord e che farò anche il Cammino di Santiago.
La sua reazione è stata quella di regalarmi quasi subito una palma sacra (vista la Domenica delle Palme che è stata oggi) e un pezzettino di carta che è stata nei luoghi sacri di Gerusalemme, in cui lei fece un viaggio, e in ultimo ha voluto farmi una richiesta, ovvero tenere nel cuore, giunto a Santiago, alcune persone che mi aveva nominato perchè secondo lei “camminano nel buio”.
Evidentemente mi aveva preso per una sorta di pellegrino penitente in cammino spirituale, o magari chissà, sentiva veramente di darmi quelle cose senza pregiudizio. Dopotutto mi sono detto : perchè no? Posso anche non condividere qualcosa che qualcun’altra persona pensa, ma al di la di ciò, perchè non aiutarla a fare qualcosa che la fa stare bene? Per questo ho accettato, io voglio aiutare chi ha bisogno, quando posso. Non c’è altra spiegazione, è quello che mi sento di fare.
Spero che un giorno rivedrò Marina per dire che ho fatto quello che mi ha chiesto.

In ultimo, poi, ho incontrato due camminatori di età avanzata che mi hanno raccontato che si stanno allenando per Santiago come faccio io con i sentieri in Abruzzo. Non erano riusciti ancora ad andarci in vita loro, ma nonostante l’età erano pronti per fare questa esperienza, con lo stesso entusiasmo che ho io, molto più giovane : è incredibile quanto certe persone possano essere forti, hanno tutta la mia ammirazione. Insomma, non esagero nel dire che questo giorno di viaggio sulla Francigena sia stato uno dei giorni più belli della mia vita.

Pronto per domani! Spero che anche questa tappa che farò sarà campagnola come quella di oggi, o di più!!

Mappa

Risorse nelle vicinanze...loading

Altre pagine di diario